Faqir Chand: visioni interiori e treni che corrono

Faqir Chand dopo una esperienza visionaria in guerra cerca di dare una giustificazione dell’accaduto. Si convince a posteriori che questa esperienza é stata generata dal cervello, che siamo noi a modellare la nostra percezione. È interessante perché, al di là della noiosa antica questione tra mistica e scienza, esemplifica chiaramente come gli stati di coscienza e le esperienze vengono interpretati a seconda degli stadi evolutivi nei quali siamo (concetto di altitudine di Wilber). Faqir si trova tra una visione mitica ed una razionale del mondo. 

Se non vedi il video concedi più permessi cliccando il cerchio verde a fondo pagina ed impostando su platinum.


Qui sotto è riportata la trascrizione del testo inglese tratta dall’articolo di David Lane Is My I-phone conscious? Throwing a Sound Grenade at Skeptics and Mystics e più sotto la traduzione italiana.

In 1919 1 was posted in Iraq. The aboriginal inhabitants (known as Baddus) revolted, which led to a fierce battle. I was inspector in the department of telegraphy in the railways with my headquarters at Divinia. The rebels made a heavy attack on the Hamidia railway station, killing the entire staff and setting the building on fire. Military forces from my post were rushed to Hamidia. I was also ordered to take charge of the Hamidia rail- way stations as Station Master. Our soldiers laid down wires in trenches and occupied their positions. Fierce fighting continued and there was a heavy loss of life on both sides. At Hamidia we were left with a group of thirty-five soldiers and one Subedar Major. The rest of the army was sent to Divinia to retaliate anyattack there. With the fall of the night the rebels attacked us. Our soldiers, though less in number, fought back. One of our men was wounded while casualties on the opposition were very heavy. As the firing ceased for some time, the Subedar Major came to me and asked that I convey to our headquarters at Divinia that we were short of ammunition. And, if we had to face another such attack, our supplies would not last for more than an hour. If the ammunition supply failed to reach us before dawn, none of us would be alive. I wired the message to the headquarters accordingly. The situation was tense and everybody was feeling as if the end had come. I too was shaken with the fear of death. In this very moment of fear the Holy Form of Hazur Data Dayal Ji appeared before me and said, “Faqir, worry not, the enemy has not come to attack but to take away their dead. Let them do that. Don’t waste your ammunition.” I sent for the Subedar Major and told him about the appearance of my Guru and his directions concerning the enemy. The Subedar Major followed the directions of my Guru. The rebel Jawans came and carried away their dead without attacking our positions. By six o’clock in the morning our airplanes came and they dropped the necessary supplies. Our fears vanished. We gained courage. We were safe.

After about three months the fighting came to an end and the Jawans retired to their barracks. I returned to Baghdad, where there were many satsangis. When they learned of my arrival, they all came together to see me. They made me sit on a raised platform, offered flowers, and worshipped me. It was all very unexpected and a surprising scene for me. I asked them, “Our Guru Maharaj is at Lahore. I am not your Guru. Why do you worship me?” They replied in unison, “On the battle field we were in danger. Death lurked over our heads. You appeared before us in those moments of danger and gave us direction for our safety. We followed your instructions and thus were saved.” I was wonder struck by this surprising explanation of theirs. I had no knowledge of their trouble. I, myself, being in danger during those days of combat, had not even remembered them.
This incident caused me to question within myself, “Who appeared to them? Was it Faqir Chand?”

What Faqir Chand eventually realized was that what was appearing within both himself and his colleagues was a projection of his own mind.
Faqir Chand explains:

Now, after having such experiences with me, I question myself, “Faqir Chand, say, what mode of preaching do you wish to change? Which teachings should I change?” The change that I can make in the present mode of preaching I explained in the discourses that I delivered during my tour. The change is, “O man, your real helper is your own Self and your own Faith, but you are badly mistaken and believe that somebody from without comes to help you. No Hazrat Mohammed, no Lord Rama, Lord Krishna or any God or goddess or Guru comes from without. This entire game is that of your impressions and suggestions which are ingrained upon your mind through your eyes and ears and of your Faith and Belief.” This is the change that I am ordained to bring about.
Faqir Chand came to realize that his numinous experiences were not indications of a transcendent state of consciousness (though during the experiences it seemed to be exactly that), but were rather projections of his own mind.
When he began to doubt the reality of these visions he broke through into another state of awareness which itself seemed more luminous than the stage preceding it. But even this new ascending form of consciousness he believed was also a projection.
But the more certain the experience the less likely it was to reveal its real origins. In other words, the very illumination blinded one from discovering its underlying cause. It was only when one “doubted” what one saw and heard and experienced that one was able to wiggle free from its overwhelming certainty.
Faqir summarized this best near the end of his life, after nearly 70 years of continuous deep meditation:

So what I have understood about Nam is that it is the true knowledge of the feelings, visions, and images that are seen within. This knowledge is that all the creations of the waking, dreaming and deep sleep modes of consciousness are nothing but samskaras (impressions which are in truth unreal) that are produced by the mind. What to speak about others, even I am not aware of my own Self (in dreams). Who knows what may happen to me at the time of death? I may enter the state of unconsciousness, enter the state of dreams and see railway trains. . . How can I make a claim about my attainment of the Ultimate? The truth is that I know nothing.

If each state of consciousness tends to blind us about its causation then determining what is a higher or lower state seems predicated upon whatever state we are presently in. Is there any way out of this epistemological cul du sac?
Ramachandran in a series of ground-breaking papers demonstrates how easily the brain can deceive our perceptions of physical realities. In Brain: The Journal of Neurology (Volume 121, number 9) Ramachandran writes:

Almost everyone who has a limb amputated will experience a phantom limb —the vivid impression that the limb is not only still present, but in some cases, painful. There is now a wealth of empirical evidence demonstrating changes in cortical topography in primates following deafferentation or amputation, and this review will attempt to relate these in a systematic way to the clinical phenomenology of phantom limbs. With the advent of non-invasive imaging techniques such as MEG (magnetoencephalogram) and functional MRI, topographical reorganization can also be demonstrated in humans, so that it is now possible to track perceptual changes and changes in cortical topography in individual patients. We suggest, therefore, that these patients provide a valuable opportunity not only for exploring neural plasticity in the adult human brain but also for underst anding the relationship between the activity of sensory neurons and conscious experience. We conclude with a theory of phantom limbs, some striking demonstrations of phantoms induced in normal subjects, and some remarks about the relevance of these phenomena to the question of how the brain constructs a ‘body image.’

Traduzione  Italiana

Scrive Faqir: “Nel 1919 sono stato inviato in Iraq. La popolazione locale (i Baddus) si ribellava, il che condusse ad una feroce battaglia. Ero ispettore del dipartimento di telegrafia nel settore ferroviario con il mio quartier generale a Divinia. I ribelli condussero un pesante attacco alla stazione ferroviaria di Hamidia, uccidendo tutto il personale e dando il palazzo alle fiamme. Le forze militari dalla mia postazione furono spostate in tutta fretta a Hamidia. Mi fu ordinato in quella occasione di prendere in carico la stazione ferroviaria di Hamidia come capostazione. I nostri soldati si misero in trincea e presero posizione. Una battaglia feroce continuava e ci fu una pesante perdita di vite umane da entrambe le parti. Ad Hamidia fummo lasciati con un gruppo di trentacinque soldati e un Capitano. Il resto dell ‘esercito fu inviato a Divinia per respingere ogni attacco. Col cadere della notte, i ribelli ci attaccarono. I nostri soldati, anche se in numero minore, li respinsero. Uno dei nostri uomini fu ferito, mentre l’entità delle perdite tra i nemici fu molto pesante. Come cessò il fuoco per qualche tempo, il Capitano venne da me e che mi chiese di trasmettere alla nostra sede in Divinia che eravamo a corto di munizioni. Se avessimo dovuto affrontare un altro attacco, le nostre riserve non sarebbero durate più di un’ora. E se il rifornimento di munizioni non fosse arrivato prima dell’alba, nessuno di noi sarebbe rimasto in vita. Telegrafai il messaggio al quartier generale. La situazione era tesa e la sensazione di tutti era che fossimo oramai giunti alla fine. Anch’io ero scosso e preso dalla paura della morte. In questo momento di paura la Santa Forma di Hazur Data Dayal Ji mi apparse davanti e disse: “Faqir, non preoccupatevi, il nemico non è venuto ad attaccare, ma per portare via i loro morti. Lasciarli fare. Non sprecate le munizioni. ” Cercai il Capitano e gli dissi dell’apparizione del mio Guru e le indicazioni riguardanti il nemico. Il Capitano seguì le indicazioni del mio Guru. I ribelli Jawans vennero e portarono via i loro morti senza attaccarci. Alle sei del mattino i nostri aerei lanciarono i necessari rifornimenti. I nostri timori sparirono e prendemmo coraggio. Eravamo salvi. 

Dopo circa tre mesi i combattimenti si conclusero ed i Jawans tornarno ai loro quartieri. Sono tornato a Baghdad, dove ci sono stati molti satsangs. Quando hanno appreso del mio arrivo, tutti si sono riuniti per vedere me. Essi mi hanno fatto sedere su una piattaforma, offerto dei fiori, e mi hanno adorato. È stato tutto molto inaspettato e sorprendente per me. Ho chiesto loro: “Il nostro Guru Maharaj è a Lahore. Io non sono il vostro Guru. Perché voi adorate me?” Essi hanno risposto all’unisono: “Nel campo di battaglia eravamo in pericolo. La morte aleggiava sopra le nostre teste. Tu sei  apparso davanti a noi in quei momenti di pericolo e ci hai dato le direttive per la nostra salvezza. Abbiamo seguito le tue istruzioni, ed in conseguenza siamo stati salvati.” Fui estremamente colpito da questa sorprendente loro dichiarazione. Non avevo nessuna consapevolezza dei loro problemi. Io stesso in pericolo durante quei giorni di combattimento, non mi ero nemmeno ricordato di loro. 
Questo incidente ha fatto sorgere la domanda all’interno di me stesso: “Chi è apparso a loro? Era Faqir Chand?” “

Faqir Chand infine realizzò che ciò che è apparso sia a se stesso che ai suoi colleghi è stata una proiezione della propria mente. 

Faqir Chand spiega: 
“Ora, dopo aver avuto tali esperienze, chiedo a me stesso: “Faqir Chand, quali modalità di predicazione vorresti cambiare? Quali insegnamenti devo cambiare?” La modifica che posso fare al mio modo di presentare la predicazione lo ho spiegato nei discorsi che ho pronunciato in occasione del mio giro di conferenze. Il cambiamento è, “O uomo, il tuo vero aiuto è il tuo Sé e la tua Fede, ma tu hai frainteso e credi che qualcuno dall’esterno ti sia venuto in aiuto. Ne’ Hazrat Mohammed, ne’ il Signore Rama, Krishna o Dio o Dea o Guru proviene dall’esterno. Tutto questo gioco deriva dalle vostre percezioni e suggestioni che sono impresse nella vostra mente attraverso i vostri occhi ed orecchie e della vostra fede e credenze.” Questo è il cambiamento che è mio compito portare avanti.”

Faqir Chand arrivò a rendersi conto che le sue esperienze numinose non erano indicazioni di uno stato di coscienza trascendente (anche se durante le esperienze sembrava che fosse proprio così), ma erano piuttosto proiezioni della propria mente. 
Quando iniziò a dubitare della realtà di queste visioni entrò in un altro stato di coscienza che a sua volta sembrava più luminoso rispetto al precedente. Ma anche questa nuova forma di coscienza emergente egli credeva che fosse una proiezione. 
Ma più certa l’esperienza sembrava e meno appariva adatta a rivelare la sua vera origine. In altre parole, la stessa illuminazione acceca una persona rispetto allo scoprire la sua causa. Fu solo quando essa “dubita” di quello che ha visto e sentito e sperimentato che è in grado di divenire libera dalla sua staripante certezza. 
Faqir riassume questo meglio verso la fine della sua vita, dopo quasi 70 anni di profonda meditazione: 

“Quindi, quello che ho capito circa Nam è la vera conoscenza dei sentimenti, visioni e immagini che si vedono all’interno. Questa conoscenza è che tutte le creazioni dei vari stati della coscienza, di veglia, di sogno e di sonno profondo, non sono altro che samskaras (impressioni che sono in verità irreali) che sono prodotte dalla mente. Che dire degli altri, quando io non sono consapevole del mio stesso Sè (nei sogni). Chi sa che cosa può accadere a me, al momento della morte? Io posso entrare in stato di incoscienza, entrare nello stato di sogno e vedere correre dei treni… Come posso fare una asserzione sul mio raggiungimento della Verità Ultima? La verità è che non ne so nulla.” 
Se ogni stato di coscienza tende a renderci ciechi riguardo alla sua propria causa allora determinare quale sia lo stato più basso od elevato sembra dipendere dallo stato stesso nel quale siamo. C’è un modo per uscire da questo cul de sac epistemologico? 

Ramachandran in una serie di documenti innovativi dimostra come il cervello può facilmente ingannare la nostra percezione della realtà fisica. In Brain: The Journal of Neurology (volume 121, numero 9) Ramachandran scrive: “Quasi tutti coloro che hanno un arto amputato sperimentano l’arto fantasma, la vivida impressione che la parte non solo è ancora presente, ma in alcuni casi, dolorosa. Vi è ora una grande quantità di prove empiriche che dimostrano i cambiamenti in topografia corticale nei primati seguenti deafferentazione o amputazione, e questa disamina tenterà di ricondurre questi in modo sistematico alla fenomenologia clinica dell’arto fantasma.
Con l’avvento di tecniche non-invasive di imaging, come MEG (magnetoencefalogramma) e la risonanza magnetica funzionale, la riorganizzazione topografica può essere dimostrata anche negli esseri umani, in modo tale che ora è possibile tenere traccia di modifiche percettive e cambiamenti nella topografia corticale nei singoli pazienti. Suggeriamo, quindi, che questi pazienti forniscano una preziosa occasione non solo per esplorare la plasticità neurale nel cervello umano adulto, ma anche per comprendere il rapporto tra l’attività dei neuroni sensoriali e l’esperienza cosciente. Concludiamo con una teoria dell’ arto fantasma, alcune sorprendenti manifestazioni di fantasmi indotte nei soggetti normali, e alcune osservazioni circa la rilevanza di questi fenomeni per la questione di come il cervello costruisce una ‘immagine corporea.'”

Libera traduzione in Italiano di Massimo Soldati.

Comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.